Cronaca

Trenord e Coronavirus: calano i passeggeri a causa della paura

Le parole “Coronavirus” ed “indotto” saranno un binomio inscindibile nei prossimi mesi ed un esempio lampante arriva da Trenord che rende note le conseguenze che la diffusione del virus Covid-19 porta ai trasporti su rotaia.

Le parole “Coronavirus” ed “indotto” saranno un binomio inscindibile nei prossimi mesi ed un esempio lampante arriva da Trenord che rende note le conseguenze che la diffusione del virus Covid-19 porta ai trasporti su rotaia. Il comunicato stampa datato 1° marzo riporta un calo dell’affluenza sui treni che percorrono il suolo lombardo, del 60%. “Da 820mila a 350mila passeggeri in un giorno feriale – per la sospensione delle attività di atenei, scuole e diverse imprese. Rimanendo confermati tali provvedimenti – continua la nota stampa -, nella settimana da lunedì 2 a domenica 8 marzo viene confermata la riduzione del servizio Trenord che riguarda l’8% delle 2.300 corse programmate. In Lombardia circoleranno 2.100 treni”.

Sull’applicazione di Trenord sarà possibile apprendere tutte le modifiche tra cui.. “Su rete RFI subiranno modifiche – con la riduzione di alcune corse –
le seguenti linee: Milano-Bergamo via Treviglio; Milano-Sondrio-Tirano;
Milano-Brescia-Verona; Milano-Mortara-Alessandria; S11 Milano-Como San
Giovanni; Milano-Cremona via Treviglio; Cremona-Mantova;
Cremona-Brescia; S5 Varese-Milano-Treviglio.

In adempimento di quanto previsto dall’ordinanza regionale, prosegue
la sospensione delle fermate di Codogno, Maleo, Casalpusterlengo. I
treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e
Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermano a
Codogno. Sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno il servizio è
parzialmente sospeso. È inoltre sospesa l’attività di biglietteria
presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo”.

Infine l’azienda comunica l’opera di sanificazione dei convogli che si tiene di notte o durante le soste per tutelare gli utenti ed il personale che lavora a bordo.

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...